Pokémon Go: il segreto del successo

Gioco pokemon go

È la moda del momento, tutti ne parlano e, sopratutto, tutti ci giocano: si tratta ovviamente di Pokémon Go, l’app che è riuscita a trasformare nuovi giocatori e vecchi appassionati dell’universo pokémon in veri allenatori di “mostri tascabili”, un sogno che in molti tenevano chiuso nel cassetto fin dal 1996, quando uscì il primo gioco della serie. Ma cos’è, in parole povere, Pokémon Go? Come funziona, e qual è il segreto di tanto successo? Cerchiamo di scoprirlo.

Pokémon Go è un videogioco free-to-play (scaricabile gratuitamente) sviluppato da Niantic in collaborazione con la The Pokémon Company e con il colosso Nintendo per i sistemi operativi iOS e Android. Il suo essere “free” è senz’altro uno dei primi motivi del suo successo: chiunque può scaricare l’applicazione sul proprio smartphone e iniziare immediatamente a giocare scegliendo il proprio team e iniziando a cercare pokémon. Ma non è solo quello, i numeri sarebbero ugualmente altissimi anche se il gioco fosse a pagamento.

Allora forse il segreto del successo va ricercato nel sistema innovativo che permette agli utenti di diventare reali allenatori di pokémon sempre a caccia. Basato sulla “realtà aumentata geolocalizzata con GPS”, Pokémon Go riesce letteralmente a riempire le nostre città di mostriciattoli colorati da collezionare, spingendoci a girare e ad esplorare per trovare quelli più rari, a cercare le palestre dove affrontare altri giocatori e a camminare anche ore per far schiudere le propria uova, fondendo realtà e mondo virtuale.

Insieme ai pokémon, siamo noi stessi i protagonisti del videogioco, ci muoviamo per le nostre strade, siamo proprio noi a lanciare la fatidica pokeball. Basta chiedere ad un giocatore qualsiasi, la risposta sarà quasi sempre la stessa: “è un sogno che si avvera”. Proprio per questo, oltre agli utenti più giovani, troviamo uno zoccolo duro di giocatori over20 (ma anche over30) che hanno scoperto il gioco Nintendo fin dalle sue origini e che, da bambini, almeno una volta hanno pensato quanto sarebbe stato bello smettere di studiare e fare i compiti e partire per il mondo a caccia di pokémon.

Qualcuno lo sta facendo davvero. Si parla di gente che ha lasciato il lavoro e che ha iniziato anche a monetizzare grazie a Pokémon Go, di guinness dei primati e dei primi campioni del gioco, di grandi raduni ma anche delle prime polemiche. Sarà una semplice moda passeggera o durerà più di un’estate? Solo il tempo saprà dircelo.

You May Also Like

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Su questo sito web utilizziamo strumenti di terze parti che memorizzano piccoli file ( cookie ) sul tuo computer. I cookie sono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente ( cookie tecnici ), per generare rapporti sull’utilizzo della navigazione ( cookie statistici ) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi / prodotti ( cookie di profilazione ). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma tu hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore. Privacy & Cookie Policy