Arriva la prima rete 4G intelligente: la Tim la sperimenta a Palermo con tecnologia Huawei

Rete 4g intelligente

I cultori della Apple continuano a snobbare i prodotti Huawei che invece stanno raggiungendo velocemente incredibili standard qualitativi per prezzi di mercato assolutamente al di sotto della media. Insomma, a parità di prestazioni, uno smartphone Huawei può costate anche un terzo e questo sta facendo letteralmente impazzire i giovani. Un’azienda in repentina crescita ed evoluzione, quella cinese, che non ha mancato di suscitare l’interesse della Tim.

La più famosa compagnia di telefonia mobile italiana ha infatti annunciato proprio nei giorni scorsi l’adozione della tecnologia Huawei Cloud RAN sull’infrastruttura di rete 4G. La sperimentazione, partita da Palermo in modo da rendere la connettività “più efficiente e innovativa”, potrebbe presto espandersi ad altre città. La novità  servirà, tra le altre cose, a migliorare le prestazioni nelle aree dove c’è una maggiore congestione e maggiore esigenza di ottimizzazione delle onde radio.

Il gestore telefonico italiano annuncia di essere il primo in Europa a compiere esperimenti su tecnologie simili, definite 4G “intelligente”, in anticipo alle sempre più vicine reti 5G di nuova generazione.

La Cloud RAN – spiega TIM in una nota – è  una rete d’accesso wireless che prevede la concentrazione delle capacità elaborative in un sito di centrale permettendo il coordinamento dei segnali radio e ampliando la disponibilità delle prestazioni dell’LTE Advanced, quali la Carrier Aggregation in grado di raggiungere oggi una velocità di picco di 300Mbit/s in download, e la gestione delle interferenze.

Affidandosi ai test che verranno condotti a Palermo sulle stazioni radio-base pubbliche, cioè quelle usate direttamente dai clienti, l’operatore può capire come sviluppare le reti ultrabroadband mobile e continuare ad innovare sul 4G e sulle tecnologie future. Cloud RAN è già stata sperimentata nei laboratori TIMLab di Torino in cui sono stati riscontrati “ottimi risultati in termini di miglioramento delle prestazioni e della capacità di rete”, che hanno spinto verso la prima sperimentazione “live” che vede nei cittadini palermitani i protagonisti diretti delle fasi di testing.

Insomma, una miscela esplosiva quella di Huawei e Tim che promette di far fare passi da gigante al settore della telefonia mobile in Italia. Per toccare con mano gli effetti di questa rivoluzione tecnologica, ora non resta che aspettare i risultati della sperimentazione a Palermo e attendere l’innovazione anche in altre città italiane. Nel giro di pochi anni tutto lo stivale potrebbe convertirsi alla tecnologia Huawei.

You May Also Like

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Su questo sito web utilizziamo strumenti di terze parti che memorizzano piccoli file ( cookie ) sul tuo computer. I cookie sono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente ( cookie tecnici ), per generare rapporti sull’utilizzo della navigazione ( cookie statistici ) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi / prodotti ( cookie di profilazione ). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma tu hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore. Privacy & Cookie Policy