500 grammi di frutta e verdura al giorno levano il medico di torno

Frutta e verdura

Mangiare frutta e verdura, non è un segreto, è l’assicurazione per la nostra salute e quando arriva l’estate non ci resta che raddoppiare le dosi. Senso di spossatezza, stanchezza, malattie di stagione non saranno più un problema rispettando poche e semplici regole. A ricordarlo, non è il dietologo di turno ma l’Organizzazione Mondiale della Sanità secondo la quale un consumo adeguato di frutta e verdura cambierebbe la mappa mondiale delle malattie cardiovascolari.

Si stima che con 600 grammi di frutta e verdura al giorno si eviterebbero oltre 135 mila decessi, si eviterebbero un terzo delle malattie coronariche e l’11 per cento degli ictus. Le famose 5 porzioni al giorno arrivano in media a 400 grammi, la quantità minima consigliata, dunque, per un menù salutare. Quanti, però, riescono davvero a rispettare queste semplici regole? 600 grammi sembrano davvero molti ma con qualche consiglio sarà un gioco da ragazzi. Innanzitutto cominciate a sostituire merende, merendine e spezza-fame con della fresca frutta di stagione.

A casa se se ne ha la possibilità o al lavoro in pratici contenitori, interrompere la seduta lavorativa per mangiare qualche ciliegia o un paio di pesche già sbucciate e tagliate non solo fa bene alla concentrazione ma ci dona la quantità di zuccheri necessari per affrontare al meglio il resto della giornata. Poche calorie e tante vitamine: le controindicazioni sono praticamente nulle ma i benefici sono davvero infiniti. L’ OMS raccomanda non semplicemente di mangiare frutta e verdura ma si assumerne re cinque porzioni al giorno, 2 porzioni di verdura e 3 di frutta, come minimo, ogni giorno. Per porzioni si intende, ad esempio, un frutto intero (mela, pera, arancia) o 2-3 piccoli (albicocche, susine),  un piatto di insalata (almeno 50 grammi), un mezzo piatto di verdure cotte  o crude, una coppetta di macedonia o un bicchiere di spremuta o di centrifugato. In generale, per un adulto con una dieta da 2000 calorie al giorno, si calcolano 50 grammi di insalata, 250 grammi di ortaggi (a crudo) e 150 grammi di frutta per ogni porzione.

Un trucco semplice per essere certi di assumere tutte le diverse proprietà nutritive degli alimenti vegetali è quello di basarsi sul loro colore. L’aspetto appetitoso e variopinto dei prodotti dell’orto, infatti, è dato dalla presenza di pigmenti e vitamine. Mangiare sempre le stesse cose, essere monotoni col colore nel piatto significa anche avere un apporto limitato di nutrienti. Via libera, dunque, ai colori e alla varietà perché la salute, diceva Oscar Wilde, è il primo dovere della vita.

You May Also Like

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Su questo sito web utilizziamo strumenti di terze parti che memorizzano piccoli file ( cookie ) sul tuo computer. I cookie sono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente ( cookie tecnici ), per generare rapporti sull’utilizzo della navigazione ( cookie statistici ) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi / prodotti ( cookie di profilazione ). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma tu hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore. Privacy & Cookie Policy